5 cose da sapere quando stai pensando di prenotare all'Osteria Bartolini

gradella cult (foto dal sito)

Ieri sera sono stata a mangiare nel ristorante più pensato degli ultimi tempi bolognesi. Non ho portato con me la macchina fotografica, ho organizzato una cena con amici per ritrovarci dopo l'estate e per fare qui, nel centro della città, quella mangiata al mare che in tutta la vita forse non riusciremo mai a organizzare, perché siamo presi tutti dalle nostre giornate e dalle nostre abitudini. Quindi per me l'Osteria Bartolini è stata un po' questo ieri sera, la fuga in Romagna dell'estate con persone carine con cui in Romagna non sono mai stata. E dedicandomi solo a cibo e chiacchiere mi sono venute in mente alcune cose che dovete assolutamente sapere.



nel blu dipinto di blu (foto dal sito)


1-non si prenota

2-arrivate verso le 19,45/20 che il tavolo lo trovate subito o al massimo aspettate 10 minuti, c'è tanto posto!

3-studiate un po' il menu prima di arrivare, così, soprattutto se siete un gruppo di 6/8 persone farete prima nelle ordinazioni e mangerete prima

4-probabilmente arriverete e chiederete di mangiare all'aperto perché stare sotto al platano è una meraviglia, ma forse il tempo è incerto, potrebbe esserci una perturbazione e allora mangiate dentro, poi, se non è piovuto, chiedete di poter bere il caffè o l'amaro in giardino, sarà un fine serata indimenticabile

5- per la prima volta, anche se è piuttosto chiassoso l'ambiente, scegliete di stare a piano terra, magari - se è libero- scegliendo un tavolo contro il muro con vista trasversale sulla cucina che è una scena aperta coi cuochi al lavoro. Il primo piano ha un'acustica migliore, ma il vero spettacolo è di sotto!

+1
oltre al menu stampato sulla carta gialla ce n'è anche uno "fuori" con piatti interessantissimi sempre di pesce, ad esempio i cannelli gratinati cotti sulla gardella e così serviti (12 euro). Ecco, li sceglierò la prossima volta, perché la prima, per me, è sempre un fritto + sardoncini, che sono un po' la base della romagnoli. E il gran fitto consiglio di prenderlo in due, per assaggiare così anche altre cose.

+2
non si spende una fortuna, il piatto più caro è sui 14 euro e tra i vini buona scelta anche con prezzi empatici.

+3
se state pensando di trascorrere qui una serata romantica con l'amante, ecco, scordatevelo, c'è tutta Bologna. Passerete il tempo a salutare o a dire "guarda chi c'è". E lo diranno di voi.

+4
magari non indossate il vostro abitino Gucci, l'odore di fritto si fa sentire, probabilmente gli aspiratori necessitano di rodaggio. Io comunque, uscita dal ristorante, dopo mezz'ora in giardino e il ritorno a casa in bici non ho portato con me il Gran Fritto.

+5
anche andare in bici non è così agile, nel senso che con i lavori in corso parcheggiare e attaccare la bici da qualche parte non è facilissimo. 


Osteria Bartolini
piazza Malpighi 16
chiuso il lunedì 
e gli altri giorni aperto pranzo e cena

Commenti

  1. Tutto vero. Ero anch'io lì ieri sera. La pecca è purtroppo l'assenza di potenti filtri per l'odore di frittura che ti si appiccica addosso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione! l'odore si sentiva dalla strada, però, magicamente, forse perché sono tornata a casa in bici e ho trascorso un po' di tempo in giardino, gli abiti non sapevano di sardonici fritti :D

      Elimina

Posta un commento

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea

Post più popolari