mercoledì 12 ottobre 2016

Ci facciamo un thom yum kung? Una sera da Seijo al profumo di lemongrass

pad thai, tagliatelle di riso saltate con gamberi, uova e verdure e saporite con salsa di pesce


Sono andata a visitare il nuovo ristorante giapponese in via Andrea Costa qualche sera fa e da fuori mi ha ricordato l'operazione del Fourghetti, ovvero quella di portare in un condominio tipicamente bolognese di quelli quadratoni da tre o quattro piani e dai muri color giallo, un locale elegante di stampo internazionale. Seijo, che in giapponese significa "luogo di successo" e vuole essere una profezia autoavverante già dal nome, è la nuova creatura di Giuliano Xia, che molti di voi conosceranno per Yoshi, alle porte di San Lazzaro, ristorante giapponese che mi aveva conquistato. Sembra di stare in uno di quegli eleganti ristoranti dal mood contemporaneo, solitamente all'ultimo piano dei luxury hotel in Asia o in America. E invece siedi a piano terra, affacciata sulla strada che contempli attraverso tre scintillanti vetrine, le più luminose della via, tratteggiata soprattutto da tradizionali trattorie e baretti accoglienti. E fuori non c'è il caotico traffico di New York, c'è la lenta via Andrea Costa con la sua aria da via che sa di quartiere. Poi, mentre sfogli il menu scintillante, che brilla ancor di più sotto la luce dei lampadari preziosi, avvisti alcune novità: sono arrivati i piatti tailandesi.



nuovo ambiente e tocco dell'architetto Andrea Bassi, per 80 posti a sedere nello stile Yoshi: muro a vista, ottone, legno, luci arancio

E io sono felice. Perché alla voce "thai", qui a Bologna, non perviene nulla da sempre, o quasi. Nonostante siano tanti i bolognesi a passare vacanze e vite avvolti in un sogno asiatico profumato di lemongrass, non ci sono stati ristoratori dalla Tailandia o in odor di Tailandia, che siano arrivati sotto le Due Torri con una bella idea. Qui da Seijo -dove noto una clientela che ha proprio il sapore di questa parte di città- si tratta di un avvicinamento, perché i piatti non sono tanti, ma sono buoni e preparati dai due chef tailandesi che sono in verità per lo più impegnati col sushi e i suoi fratelli (maki, sashimi...).
Però tra i piatti presenti nella carta, dove troverete anche qualche novità sì giapponese ma soprattutto creativa e simpatizzante con materie local, c'è una delle ricette che più amo della cucina thai, quella zuppa balsamica che è un tripudio di spezie (galang, kaffir lime e lemongrass) arricchite da funghi pleurotus e gamberi, che mi ha scatenato una reazione di apnea (sono molto raffreddata come voi) e poi mi ha liberata dandomi sollievo. Io adoro la tom yum koong (costa 14 euro) e potrei tornare da Seijo anche solo per quella. Tra gli altri piatti provate il pad thai (16 euro) con i noodles di riso e la salsa di pesce nam pla (forse un po' troppo sapida, ma squisita) e i gamberi avvolti pho pea koong. Non ho assaggiato  le polpette gamberi e maiale thod man koong e ho accompagnato il tutto con Pignoletto "Zigant" Lodi Corazza dei nostri colli e vi dirò, la scelta è stata eccellente, pignoletto e thai son fatti l'uno per l'altro. Già che c'ero, coadiuvata naturalmente dall'Adorabile magnone, ho assaggiato due nuove ricette entrate in menu e finite dritte dritte tra i "signature dishes", come li ha chiamati Mr. Xia, che mi sta sempre più simpatico per lo studio che mette nel portare avanti i suoi ristoranti con ricercatezza, dando alla città un prodotto nuovo giocato sull'eleganza direi e sulla cucina preparata con attenzione. Cristal roll arriva col suo splendido cromatismo ripieno di salmone, insalata, philadelphia e rapa gialla e Seijo style deve essere proprio il piatto di punta che si presenta come roll di merluzzo e crema di tartufo (20 euro), un raffinato divertissement (se li volete assaggiare potete prenderli in due). 



gamberi avvolti pho pea koong


cristal roll


al centro l'irresistibile tom yum kung e in basso a destra il roll di merluzzo e crema di tartufo

Seijo
via Andrea Costa 63/2
Bologna
051 028 0033
chiuso il lunedì

4 commenti:

  1. Mi mancano i cibi Thai quindi grazie e aleluia!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Lo sai che esiste un cuoco a Bologna che è specializzato in cucina thai e viene anche a domicilio se lo chiami? Cerca Nicolas on Demand. E grazie per la dritta, andrò sicuramente a provare

    RispondiElimina

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea