martedì 13 dicembre 2016

Vegan e raw, ma soprattutto bello: il senso di Botanica Lab per le piante

Botanica Lab Cucina


E pensare che quella via Battibecco l'ho percorsa così poco. 
Ecco, quando penso alle cose che fanno bene alla mia città -perché ci aiutano a scoprirla ancora, nonostante i tanti anni di attraversamenti, perché ci fanno cambiare percorso nel tragitto quotidiano- questo nuovo ristorante arrivato un paio di settimane fa nel cuore di Bologna, è certo un buon esempio. Un po' come mi è successo con questa destinazione in Pratello, stradina poco praticata nella mia vita di tutti i giorni: la proposta culinaria può trasformare la geografia urbana.



burger di legumi e salsine della casa


Il Botanica Lab, nella mia visione della città, è proprio quel tipo di progetto del cibo di cui c'è bisogno sempre, non solo in questo momento di gastro-perdizione. La proposta è innovativa e ormai sappiamo che - classifiche, recensioni dei viaggiatori su siti specializzati, blogger stranieri, ricercatori di tendenze e giornali cittadini ce lo fanno capire- Bologna nel panorama nazionale e internazionale, splende più per la creatività dei format e il comfort food che per stelle e lusso. Da noi si sta bene, si è accolti, si trova ancora la cucina di casa e al contempo bar, ristoranti o bistrò che ci fanno conoscere tutto il nuovo possibile. Con Botanica Lab entriamo nel mondo del crudismo e della "plant based cuisine", come ci tiene a sottolineare Anna Artesiani rifacendosi al suo maestro, l'americano Matthew Kenney, che ha concettualizzato la "plant based" da Los Angeles al mondo. Ci troviamo davanti a preparazioni che non prevedono carne, pesce, latticini o uova -vegan è la parola, sì- ma entriamo anche in una progettazione che pare avere radici solide, marinate nell'esperienza di una piccola avventura cominciata un paio d'anni fa in via San Rocco in guisa di pasticceria crudista e approdata a questo affascinante ed elegante ristorante nel centro della città, accanto a un più classico nome della nostra cucina, quel Battibecco che tiene viva la memoria. Insieme fanno già un distretto!

gnocchetti di zucca gratinati con salsina di anacardi per me, in un piatto bellissimo: stoviglie e posateria splendidi. Da bere acqua aromatizzata al pompelmo.

E questo è il dettaglio che adoro più di tutti al Botanica, una bellezza stilistica (firmata da Fiorenza Tarroni) ben poco sperimentata fino ad ora all'ombra delle Due Torri: il Lab ha un appeal sconosciuto alla nostra città, e invece ben radicato in capitali della gastronomia che emergono sia per proposte che per ambienti e che hanno raggiunto una completezza culinaria dove c'è posto per tutto, dalle stelle allo street food. Bologna possiede ora un pezzo di quel fascino rigoroso e d'altri tempi che sanno infondere velluti, marmi, lampade che tengono compagnia con pazienza e delicatezza (sono le Marseille di Le Corbusier), muri alteri da una parte e nudi dall'altra, una cucina a vista di gusto post-industriale e legno al posto giusto, al bancone, per accoglierti all'ingresso. E se è vero che senza la luce uno spazio non esiste, ci illumina Robert Wilson, qui al Botanica Lab la luce naturale non è tanta (la strada è corta e stretta) ma sta proprio in una certa "darkitudine" il suo fascino fuori dal tempo.
Sulla cucina vi ho detto il minimo indispensabile, perché in questo caso è molto soggettiva. Per alcuni l'unica possibilità, per altri, forse, anche un po' complessa, anche se mandorle e anacardi, che io adoro ma che spesso mi risultano pesanti, sono trattati in un modo che è per me una scoperta, di quelle da portare nella mia dispensa, subito. In ogni caso un'esperienza da fare tra ingredienti bio, vegetali e stagionali, anche a merenda, per scoprire magari che gnocchetti di spinaci e ricotta di macadamia, fungo portobello marinato con crema di cavolo nero e scaglie di pinoli o crema di bietola, cocco e anacardi, possono essere dei nuovi cult. Dopo tortellini, tagliatelle e lasagne.

Botanica Lab
via Battibecco 4/c
tel. 342 860 6026
Lun: 12-16
Mar-Ven:12-23
Sab: 11-23
Cena dalle 19:00 e brunch Sabato dalle 11:00.

2 commenti:

  1. mo che bello...e i prezzi dei piatti? che ci dici a proposito?

    RispondiElimina
  2. magari aggiungo una nota: a pranzo i prezzi sono nella media, gnocchetti circa 9 euro e hamburger 9 o 10... acqua aromatizzata 1 euro e mezzo, dolcetto monoporzione non ricordo

    RispondiElimina

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea