sabato 31 dicembre 2016

I 10 locali più belli di Bologna del 2016

Wood, via San Vitale

E' arrivato l'ultimo giorno dell'anno e visto che ci ho preso gusto vi lascio con un'altra piccola chart che ha più a che fare con una mia grande passione legata al mondo del cibo: il design dei locali. I dieci che vi ho messo qui sono stati aperti tutti in questo 2016, che nonostante la gastro-bulimia, ci ha dimostrato che alcuni posti speciali in grado di mettere Bologna al centro del mondo ci sono sotto le Due Torri. Attenzione alle architetture, ricerca dei materiali, uno sguardo al vintage più prezioso e poi la comparsa del piccolo salotto d'attesa che fa molto "hotel life" e la grande conferma del bancone dei bar prezioso e protagonista. Il verde avanza lento ma costante e i motivi botanici fanno capolino.



Botanica Lab, via Battibecco


Osteria dell'Orsa Fuori Porta in via Andrea Costa, completamente rinnovata da pochi giorni rispetto alla prima apertura


Ristorante Marconi, rinnovato durante l'estate 2016 e arricchito dalla bakery a fianco che si affaccia proprio sulla via Porrettana con quel gusto "on the road"

Ex Forno del MAMbo, nuova parete con le geografie di provenienza dei caffè e il coffee corner Orso

Pappare', via de' Giudei

Caffè di Colazione da Bianca al Museo Pepoli versione jungalow

Pian Polvere in Pratello

Manicò, via Orefici

Fourghetti in via Murri


+1 (menzione speciale dehors)


Osteria Bartolini, piazza Malpighi

+2 (menzione speciale in provincia)

Aula, San Giovanni in Persiceto

+3 (menzione speciale fuori porta)
Basilico, via Massarenti

4 commenti:

  1. uuuuuh quante belle cucce per le Fuffe :-) PRUMEOOOOO!!!!

    RispondiElimina
  2. a mio parere non doveva mancare Massimiliano Poggi a Trebbo di Reno ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Pepe! Max Poggi e la sua splendida cucina sono entrati nella precedente classifica sui piatti memorabili del 2016, ma in questo caso ho dovuto fare una scelta diversa. grazie per il commento.

      Elimina

per me è importante sapere cosa ne pensate! grazie, Bea